Acque Minerali: l’importanza del residuo fisso. Ecco quelle più leggere!

9 giu

Gli Italiani sono tra i più grandi consumatori di acque minerali e, dopo la nostra guida su come leggere l’etichetta con i parametri chimico/fisici, oggi dedichiamo spazio ad uno degli elementi più importanti per scegliere l’acqua giusta: il residuo fisso a 180 °C. Il Residuo Fisso determinare infatti la leggerezza di un’acqua minerale. Nello specifico, consiste nella quantità di sostanze inorganiche presenti nell’acqua ed è normalmente espresso in milligrammi per litro: si ottiene facendo evaporare l’acqua a 100 °C, con successiva essicazione a 180 °C. Grazie al valore ottenuto, le acque vengono successivamente classificate in “minimamente mineralizzate” (residuo fisso inferiore/uguale a 50 mg/l), “oligominerali” (50-500 mg/l), “medio minerali” (501-1.500 mg/l) e “ricche di sali minerali” (superiore a 1.500 mg/l). Quelle maggiormente commercializzate in Italia, sono quelle Oligominerali, che rappresentano circa il 50% di tutte quelle in commercio. Le acque ‘minimamente mineralizzate‘ sono per lo più consigliate perchè favoriscono la diuresi e indicate per chi ha problemi di calcoli renali. Le ‘oligominerali‘, grazie al ridotto contenuto di sali minerali, favoriscono la diuresi e contengono livelli bassi di sodio. Le acque ‘minerali‘ hanno applicazioni diverse a seconda del tipo di sostanze disciolte in essa (bicarbonato, calcio, magnesio.. ) e normalmente non devono essere bevute in quantità eccessive (fino ad un litro al giorno) alternandole poi con acqua oligominerale. Le acque ‘ricche in sali minerali‘ (normalmente consigliate dal proprio medico) vengono assunte principalmente a scopo curativo e in molti casi sono vendute in farmacia (ma spesso anche nei supermercati).

Di seguito ecco alcune acque ‘minimamente mineralizzate’ e in assoluto con il residuo fisso più basso in commercio in Italia:

  • Acqua Lauretana: Residuo Fisso a 180 °C: 14 mg/litro (Distribuita in quasi tutte le regioni italiane è l’acqua con il minor residuo fisso d’Europa)
  • Acqua Monterosa: Residuo Fisso a 180° C: 14.7 mg/litro (nei negozi di prodotti biologici)
  • Acqua CRAI Fonte delle Alpi (Sorgente Seccarezze): Residuo Fisso a 180 °C: 16.9 mg/litro
  • Acqua Sant’Anna: Residuo Fisso a 180 °C: 22.3 mg/litro
  • Acqua Amorosa Humana: Residuo Fisso a 180 °C: 25 mg/litro (In Farmacia)
  • Acqua Fonte Vallechiara: Residuo Fisso a 180 °C: 28.5 mg/litro (Distribuita nel Nord Italia)
  • Acqua S. Bernardo (Sorgente Rocciaviva):  Residuo Fisso a 180 °C: 35.5 mg/litro
  • Acqua Eva (Sorgente Fontanone): Residuo Fisso a 180 °C: 47 mg/litro

Con un residuo fisso superiore ai 50 mg/litro (e che rientrano nelle acque oligominerali) troviamo (*):

  • Acqua Levissima: Residuo Fisso a 180 °C: 78.2 mg/litro
  • Acqua Fiuggi: Residuo Fisso a 180 °C: 123 mg/litro
  • Acqua Maniva: Residuo Fisso a 180 °C: 125 mg/litro
  • Acqua Panna: Residuo Fisso a 180 °C: 142 mg/litro
  • Acqua Rocchetta: Residuo Fisso a 180 °C: 177.07 mg/litro
  • Acqua San Benedetto: Residuo Fisso a 180 °C: 271 mg/litro
  • Acqua Evian: Residuo Fisso a 180 °C: 309 mg/litro
  • Acqua Vitasnella: Residuo Fisso a 180 °C: 382 mg/litro

Segui il nostro Speciale dedicato alle Acque Minerali e le sue proprietà

Scopri le acque minerali attualmente in offerta..

Dati estrapolati dalle etichette delle acque citate e/o dai rispettivi siti ufficiali. L’Acqua Lauretana, secondo quanto riportato dal sito della società è l’acqua con il minor residuo fisso non solo d’Italia, ma di tutta Europa. (*) Dati Beverfood 2008/2009. Ultimo aggiornamento Giugno 2011 con l’aggiunta di Acqua Minerale Maniva.

7 Responses to “Acque Minerali: l’importanza del residuo fisso. Ecco quelle più leggere!”

  1. enrico 1 aprile 2011 at 12:58 pm #

    Buongiorno,
    articolo interessante vorrei cortesemente sapere perchè non è riportata l’acqua Nerea dei monti sibillini, che risulta avere un residuo fisso di 161 mg/L.
    grazie

    • Staff Spesa 2.0 4 aprile 2011 at 9:58 am #

      Buongiorno Enrico,
      grazie della segnalazione. Quelle segnalate sono principalmente tutte acque distribuite a livello nazionale (tranne eccezioni che valeva la pena segnalare per i valori molto bassi del residuo fisso), se avessimo aggiunto tutte quelle distribuite solo in alcune località, avremmo avuto bisogno di molto più spazio e di ricerche ancora più approfondite.
      Lo spazio dei commenti è dedicato anche a questo, quindi per qualsiasi altra segnalazione, anche di acque minerali non distribuite a livello nazionale, può aggiungerle e segnalarle qui senza problemi ;)

Trackbacks and Pingbacks

  1. Buon Anno con la TOP 5 delle notizie più lette nel 2010 su Spesa 2.0 | Spesa 2.0 - 30 dicembre 2010

    [...] Posizione nr. 2. Le prime due posizioni di questa nostra speciale ‘TOP 5′ hanno come tema portante l’acqua. In questo caso, il secondo posto va alla nostra guida alle acque minerali con il minor residuo fisso (ovvero le acque minerali più ‘leggere’), dove abbiamo scoperto che l’acqua più leggera d’Europa sgorga proprio in Italia.. per leggere l’articolo completo e i dati in esso riportati, clicca QUI.. [...]

  2. Addio primato per acqua Norda: arriva Eva, l'acqua minerale dalla sorgente più alta d'Europa | Spesa 2.0 - 25 marzo 2011

    [...] Residuo Fisso a 180 °C: 47 mg/litro (a questo link la tabella delle acque minerali più ‘leggere’) [...]

  3. Acque Minerali: 3 miliardi di litri imbottigliati in Veneto, oltre 1 miliardo in Umbria. | Spesa 2.0 - 25 marzo 2011

    [...] (dati 2009) sono ben 168, per un giro d’affari (2009) di ben 2.300.000.000,00 euro. A questo link l’elenco delle acque più ‘leggere’ (con il più basso residuo [...]

  4. Acque Minerali: 3 miliardi di litri imbottigliati in Veneto, oltre 1 miliardo in Umbria. Primi in Europa per consumo | Spesa 2.0 - 25 marzo 2011

    [...] (dati 2009) sono ben 168, per un giro d’affari (2009) di ben 2.300.000.000,00 euro. A questo link l’elenco delle acque più ‘leggere’ (con il più basso residuo [...]

  5. Acque Minerali: sicuri di quel che beviamo? Presto tutti i dati di una nuova ricerca | Spesa 2.0 Magazine - 22 giugno 2011

    [...] spesso delle acque minerali, segnalandovi in passato anche quelle ‘più leggere’ (l’articolo completo QUI) o quanto gli Italiani apprezzino le cosiddette acque in bottiglia (liscia o gassata che sia). Ma [...]